Zucchero di canna o bianco: principali differenze


0
120 shares

Per questioni legate alla salute ed al peso ci si interroga sul consumo di diversi alimenti, come lo zucchero.

Inoltre ci si interroga su quale tipologia usare per edulcorare: tè, caffè, tisane. Per quanto riguarda le differenze tra zucchero di canna e quello bianco, sostanzialmente presentano le stesse caratteristiche.

Anche se continuano a fronteggiarsi due diverse schiere di estimatori dell’uno o dell’altro. In buona sostanza però le differenze tra lo zucchero di canna e quello bianco sono minime.

Si deve smentire prima di tutto una falsa credenza: non è vero che lo zucchero grezzo fa meno male rispetto a quello raffinato. La principale distinzione tra i due tipi di edulcoranti si deve alle procedure di lavorazione a cui si sottopongono durante la fase di raffinazione.

Dal punto di vista chimico presentano la stessa molecola: il saccarosio. Quindi si assume una simile quota di saccarosio sia che provenga da quello raffinato sia che derivi da quello grezzo.

In pratica, il saccarosio si estrae dalla canna da zucchero, ma soprattutto dalla barbabietola. Dopo che il succo si preleva dal vegetale si sottopone ad un processo di concentrazione e di evaporazione.

In seguito, si esegue la centrifugazione che permette di separare lo zucchero grezzo. Per poi effettuare il processo di raffinazione.

Zucchero di canna o bianco non hanno valori calorici e caratteristiche nutritive diverse

Anche lo zucchero bianco come quello di canna è sottoposto allo stesso processo, ci sono delle leggere difformità. Come lo zucchero bianco, anche quello di canna subisce una serie di lavorazioni di tipo industriale.

Queste consentono il suo sbiancamento per ottenere così dei granelli bianchi. Inoltre si possono eseguire degli interventi per adattare il gusto alle esigenze di diversi target di consumatori. In conclusione, quello grezzo risulta essere non totalmente raffinato.

Nello specifico, lo zucchero di canna contiene una piccola percentuale di melassa, una sostanza che gli attribuisce il suo sapore distintivo. Inoltre, nella melassa si concentra una quota in più di principi attivi, anche se in quantità molto bassa.

Ossia di alcuni minerali, come il potassio, a cui si associano alcune vitamine. Però la dose di melassa non adduce un maggiore valore nutrizionale rispetto allo zucchero tradizionale.

Per quanto riguarda la quota di calorie, anche in tal caso non si registrano delle significative differenze. Poiché presentano un indice glicemico quasi equivalente. Ma sono anche pienamente identici sul piano nutrizionale.

Dunque quello grezzo e quello bianco sono diversi solo per colore e per gusto. Invece presentano dei valori calorici e delle caratteristiche nutritive simili.

LEGGI ANCHE : 6 segnali eccessivi che mangi troppo zucchero


Like it? Share with your friends!

0
120 shares

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *