Rilassarsi con il rumore del phon: il rumore bianco


0
4.2k shares

Negli ultimi anni è esploso il fenomeno tra i giovani di rilassarsi con il rumore del phon. Una tendenza che si è diffusa in lungo ed in largo coinvolgendo anche i giovani italiani. Secondo i pareri di molti, la pratica di accendere il phon per ascoltarne il rumore agisce da relax.

In sostanza si tende a sottoporsi a questa abitudine come forma di rilassamento. In modo da liberarsi da ansia e da stress.

Ma anche per stimolare una maggiore concentrazione e favorire la memorizzazione. Alcuni usano quest’espediente per addormentarsi in piena tranquillità.

Si ricrea così una condizione paragonabile ai rumori avvertiti nella pancia della mamma, come ribadito da vari psicologi.

A causa del dilagante fenomeno, è sorto un grande interesse in campo psicologico. Soprattutto perché si sono registrati i casi di vera e propria dipendenza. Nei quali i soggetti si dedicano a questa pratica in maniera ossessiva.

Così tenengono acceso l’asciugacapelli per lungo tempo. Con lo scopo di tenere sotto controllo lo stress ed abbassare le tensioni.

Infatti, se tale abitudine sfocia in una dipendenza è bene intervenire subito. Così da scongiurare dei pericoli più seri. In tal caso è necessario un supporto psicologico che rende possibile un sano distacco dall’apparecchio. Secondo gli psicologi si deve intervenire per tempo, se tale pratica influenza la vita quotidiana alterando le normali attività.

Rilassarsi con il rumore bianco: in cosa consiste

Molte persone trovano nei suoni delle fonti preziose per rilassarsi. In particolare, si fa riferimento al cosiddetto rumore bianco. Questo identifica l’assenza di periodicità nel tempo con spettro uniforme delle frequenze.

Si percepisce una sonorità piacevole, scandita da una modulazione ritmata e costante. Come conseguenza, si assicura una piena distensione della mente e del corpo.

In pratica, il rumore bianco accorpa tutte quelle frequenze che il nostro orecchio può percepire e che non vengono avvertiti dal cervello come fastidiosi. Questi rumori creano una funzione rilassante permettendo al cervello di staccarsi dal contesto, concentrandosi solo sul ritmo del suono bianco.

Rientrano sotto questa etichetta diversi elementi naturali che distendono i nervi come ad esempio: il ticchettio della pioggia, lo sciabordio delle onde del mare, il fruscio del vento.

Si possono poi classificare nella categoria anche il rumore della lavatrice, del phon e di altri apparecchi domestici.

La conferma del loro uso come metodi per rilassarsi, ha portato allo sviluppo di diverse app per smartphone che riproducono il suono degli apparecchi domestici.

Leggi anche : Calamite sul frigo: fa bene attaccarle


Like it? Share with your friends!

0
4.2k shares

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *