Pukpuklo: alga delle Filippine dalle preziose proprietà


0
21 shares

Le alghe oltre ad adempiere ad importanti compiti negli ambienti acquatici, sono benefiche anche dall’uomo come nel caso della Pukpuklo o “Finger Algae”.

Il cui nome scientifico è “Codium intricatum Okamura”.  Si tratta di un tipo di alga commestibile diffusa tra le tante specie marine nella Repubblica delle Filippine.

Oltre ad essere usata nella cucina locale, tale alga si è fatta conoscere in tutto il mondo. Proprio per le sue virtù salutari. In pratica, la Finger Algae ricorda nel suo aspetto gli spaghetti. Ma si caratterizza per un colore verdastro.

Si mangia cruda come un ingrediente delle insalate. Grazie alla concentrazione di tante sostanze nutritive ed al basso contenuto calorico, le alghe hanno contaminato la cucina Occidentale. Anche se da secoli, le alghe fanno parte delle abitudini alimentari della tradizione culinaria asiatica. Infatti, le alghe sono le forme vegetali viventi edibili più antiche.

L’alga marina Pukpuklo presenta diversi principi attivi. Tra cui una ricca concentrazione di ferro. Grazie ai suoi principi attivi offre molte proprietà farmacologiche e salutari. Per questo l’alga marina Pukpuklo è stata sottoposta a varie indagini.

Pukpuklo probabile potere antitumorale

Infatti si sono svolte diverse ricerche per valutare le sue proprietà. Tra cui spicca lo studio del team di ricercatori dell’Università di Santo Tomas.

Questa ricerca, coordinata dal dottore Ross Dizon Vasquez, ha dimostrato che quest’alga avrebbe un effetto antitumorale. Nello specifico i ricercatori hanno scoperto che i polisaccaridi estratti da quest’alga sarebbero in grado di contrastare le cellule tumorali.

In sostanza, si ipotizza che il rimedio green potrebbe limitare l’espansione delle cellule cancerose. Le quali tendono a proliferare in altre parti del corpo. Si precisa che la genesi di cellule cancerose si deve alla perdita della normale forma e funzione delle cellule del tessuto sano. Quindi le cellule tumorali derivano da quelle sane. Come conseguenza della loro incapacità di differenziarsi in modo adeguato.

I ricercatori si sono soffermati sulla capacità inibitoria dei polisaccaridi della Finger Algae. È emerso così che l’alga è in grado di contrastare gli enzimi distruttivi. I quali favoriscono la formazione delle metastasi. Da cui dipende poi la proliferazione in vari distretti del corpo.

Si è così concluso che tale alga possa avere un potere antitumorale. Allo stesso tempo nel corso dello studio si è indagata l’azione positiva sulla pelle. Infatti lo studio dell’Università di Santo Tomas ha testato quest’alga sui topi.

Dopo la sperimentazione si è riscontrato un dato promettente. Infatti le cavie, prima sottoposte alle radiazioni UVB, hanno registrato una guarigione in tempi più rapidi a livello cutaneo grazie a tale rimedio.

LEGGI ANCHE :Banana di Java, il frutto con il sapore di vaniglia


Like it? Share with your friends!

0
21 shares

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *