Alterazioni del ciclo mestruale: quali sono le principali cause

Ma anche al di fuori della premenopausa, si possono verificare delle irregolarità relative a: durata, cadenza e flusso.


0
34 shares

È possibile distinguere diversi tipi di alterazioni del ciclo mestruale, queste irregolarità possono presentarsi nelle donne in età fertile ma soprattutto nel corso della premenopausa.

Con cui si identifica, il periodo di passaggio che porta alla menopausa. Nel corso di questo lasso di tempo che dura di solito qualche anno, a causa delle variazioni ormonali in corso, si verificano le alterazioni del ciclo mestruale.

Ma anche al di fuori della premenopausa, si possono verificare delle irregolarità relative a: durata, cadenza e flusso. In caso di irregolarità del ritmo e della periodicità si parla di oligomenorrea che si evidenzia con ritardi del ciclo. Invece la polimenorrea segnala l’arrivo di un ciclo anticipato. Quando invece la donna risente di un prolungato periodo di mancanza di mestruazioni si parla di amenorrea.

Esistono poi delle alterazioni del ciclo mestruale che riguardano la quantità di flusso. Si identifica la condizione di ipomenorrea quando il flusso è scarso. Mentre si parla di ipermenorrea se il flusso è abbondante. Nel caso in cui le mestruazioni si protraggano per più di 4/5 giorni si parla di menorragia.

In alcuni casi si possono presentare, al posto del ciclo, delle perdite allora si parla di metrorragia. Si tratta di perdite inaspettate che compaiono in fasi del ciclo mestruale in cui non è atteso l’arrivo delle mestruazioni. Invece si definiscono menometrorragie le perdite tra periodi di ciclo abbondante e prolungato.

Alterazioni del ciclo mestruale

Nel caso di irregolarità ricorrenti con esordio nel range d’età tra i 25 ed i 30 anni questo aspetto può segnalare un sintomo. Si devono indagare la condizione, perché potrebbe dipendere da alcune patologie femminili.

Tra i fattori eziologici più comuni ci sono: gli squilibri ormonali; i problemi della tiroide (ipertiroidismo oppure ipotiroidismo); le anomalie dell’apparato riproduttivo (endometriosi e cisti ovariche); i tumori dell’endometrio; la cervice uterina.

Infatti le irregolarità del ciclo mestruale sono un segno da non sottovalutare che permette di diagnosticare delle condizioni più serie.

In età matura invece le irregolarità del ciclo mestruale sono fisiologiche. Perché dovute al calo della fertilità. In concomitanza con l’avanzare dell’età. Dunque con l’arrivo della premenopausa si verificano dei cambiamenti a livello fisiologico.

In media, la premenopausa può durare qualche mese o prolungarsi fino a sei anni. Anche le irregolarità mestruali per ogni donna sono variabili. A volte sono lievi, altre risultano più pronunciate. Ma tutto è collegato con le fluttuazioni ormonali del periodo di passaggio verso la menopausa.

Le irregolarità della premenopausa

In premenopausa si hanno episodi di spotting: comparsa inaspettata di piccole perdite ematiche tra un ciclo e l’altro. Si tratta di alterazioni da attribuire allo squilibrio ormonale tra estrogeni e progesterone. Spesso lo spotting si presenza in concomitanza con la fase dell’ovulazione.

Ma gli squilibri ormonali, con alti livelli di estrogeni, possono causare una mestruazione molto abbondante. In questo caso il sanguinamento si deve ad un ispessimento dell’endometrio. A causa della copiosa e costante perdita ematica la donna si sente spesso: stanca, affaticata, priva di energie. Spesso subentra una forma di anemia di variabile entità. Se il ciclo abbondante tende a presentarsi di frequente o con una certa intensità, è meglio consultate il proprio ginecologo.

Nel corso della premenopausa si osserva un altro tipo di anomalia del ciclo mestruale, che riguarda il colore del flusso mestruale. Una donna in premenopausa noterà delle perdite ematiche marroni o più scure.

Una conseguenza dovuta al fatto che il sangue è più vecchio. Quindi impiega più tempo a fluire. Se poi si associa al cambio di colore anche un forte e cattivo odore può trattarsi di un’infezione. Meglio rivolgersi al medico o al ginecologo. Mentre nelle fasi finali della premenopausa, che precedono la scomparsa delle mestruazioni, i cicli diventeranno sempre più lunghi. Ma anche meno abbondanti e distanziati con assenza del rilascio dell’ovulo.

LEGGI ANCHE : Ansia eccessiva può danneggiare la salute del cuore


Like it? Share with your friends!

0
34 shares

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
win win
0
win

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *